Pubblicato il

La capacità e la potenza di un bollitore elettrico.

La capacità di un bollitore elettrico misura la quantità di acqua che il bollitore dovrebbe portare a ebollizione durante una sessione, è possibile distinguere fra:

-bollitori di taglia piccola;

-bollitori di taglia media;

-bollitori di taglia grande.

Le caratteristiche delle categorie di bollitori.

I bollitori di taglia piccola, sono quelli fino a mezzo litro, ottimi per chi viaggia, o li vorrebbe usare in campeggio oppure nel proprio ufficio. Tali modelli sono capaci di fornire l’acqua occorrente per al massimo un paio di tazze di tè.

I bollitori di taglia media, invece, sono capaci di arrivare fino a 1,3 litri, mediante i quali si potrebbe avere l’acqua occorrente per quattro tazze di tè oppure mettere a cuocere la pasta. I bollitori di taglia grande, infine contengono ben oltre 1,3 litri, molto utili in occasione di momenti conviviali ed ulteriori occasioni in cui dovranno essere serviti tanti utenti.
Altro aspetto importante di un bollitore elettrico è rappresentato dalla potenza con la quale si fa riferimento a quella espressa in watt dal bollitore che servirebbe proprio per bollire l’acqua, maggiore sarà il dispositivo, più sarà in grado di poter riscaldare una maggior quantità di liquido in un’unica sessione di lavoro. Va pure sottolineato come proprio da essa sia legato molto il relativo consumo di elettricità, perchè una potenza bassa costringe a più sessioni di lavoro qualora si renda occorrente servire un numero alto di utenti. Un bollitore tanto potente se da un lato avrà un costo più alto di un modello meno performante sotto tale punto di vista potrà però permettere grandi risparmi in bolletta, andando ad ammortizzare in tempi veloci la somma che si è spesa in più.  Dunque, i modelli maggiormente economici vanno ad attestarsi sui 1000 watt, contro i 1300/1700 che vanno a caratterizzare i modelli di fascia media e i 2000 di alta fascia.

Terzo fattore da dover considerare quando si acquista un bollitore elettrico è il materiale con cui è assemblato. In genere, sono usate le leghe metalliche, come l’acciaio inox, ed i materiali plastici. L’acciaio è certamente molto robusto ed è da preferire perchè così si punta su un prodotto molto robusto che dura nel tempo. La plastica è invece da privilegiare per i cosiddetti bollitori da viaggio, laddove è rilevante la leggerezza.
La controindicazione dei materiali plastici risiede proprio nella loro natura: qualora non siano atossici potrebbero rilasciare sostanze  piuttosto pericolose nell’acqua, proprio considerando elevate temperature alle quali è trattata. Tanti approfondimenti ed utili informazioni è possibile trovarli qui.